Press

Esce "Il giardino d'acqua", Pagani incontra Joyce e Proust

20.05.22 - sabato sera - Redazione

"Il giardino d'acqua" è il nuovo libro di Andrea Pagani (Ronzani editore) che l'autore presenterà in uno degli innumerevoli eventi del Salone del Libro sabato 21 maggio.Lo scrittore ferrarese di origine e imolese
d'adozione ci riporta a giovedì 18 maggio1922 quando a Parigi, l'hotel Majestic, ospitòil leggendario incontro fra due giganti dellaletteratura: Marcel Proust e James Joyce.

Orto Botanico. Pane e noci, il Veneto

17.05.22 - Il Gazzettino ed. Padova - Redazione

In Pane e Noci, nuovovolume della collanaVentoVeneto di Ronzanieditore. Lucio Montecchioci accompagna in un viaggioattraverso il Veneto di ieridi oggi raccontando il drasticocambiamento cheha subito il territorio apartire secondodupoguerra, frutto di una rapida e spesso traumatica industrializzazione. Il librosarà prusentato domani nella giornata internazionale dedicata al fascino delle piante (Fascination of plants day 2022) alle 18,30 ed apre le iniziative di scienza e divulgazione dell'Orto botanico.

"Pane e noci" in Orto Botanico all'Università di Padova

17.05.22 - WWWITALIA.EU - Redazione

In Pane e noci, nuovo volume della collana VentoVeneto di Ronzani editore, Lucio Montecchio ci accompagna in un viaggio attraverso il Veneto di ieri e di oggi raccontando il drastico cambiamento che ha subito il territorio a partire dal secondo dopoguerra, frutto di una rapida e spesso traumatica industrializzazione. Tra aneddoti autobiografici, tradizioni ormai perdute, intermezzi scientifici e sociologici, espressioni dialettali, vivide descrizioni di persone reali alle prese con le piccole e grandi sfide della vita quotidiana, emergono tanto le opportunità offerte dalla modernizzazione quanto lo stravolgimento culturale prodotto nell'arto di poche generazioni.

"Pane e noci"

17.05.22 - PADOVANDO.COM - Redazione

In Pane e Noci, nuovo volume della collana VentoVeneto di Ronzani editore, Lucio Montecchio ci accompagna in un viaggio attraverso il Veneto di ieri e di oggiraccontando il drastico cambiamento che ha subito il territorio a partire dal secondo dopoguerra, frutto di una rapida e spesso traumatica industrializzazione. Traaneddoti autobiografici, tradizioni ormai perdute, intermezzi scientifici e sociologici, espressioni dialettali, vivide descrizioni di persone reali alle prese con le piccolee grandi sfide della vita quotidiana, emergono tanto le opportunità offerte dalla modernizzazione quanto lo stravolgimento culturale prodotto nell'arco di pochegenerazioni, che ha sacrificato i legami innati con la terra e i ritmi che il vivere rurale richiede in nome del “tutto e subito”.

Joyce e Proust, il sublime imbarazzo

17.05.22 - lastampa.it - Mario Baudino

James Joyce e Marcel Proust si incontrano una sola volta, come è noto, in una cena organizzata all'Hotel Majestic da Sidney Schiff, ricco mecenate britannico trapiantato a Parigi, dopo la prima del Renard di Stravinsky all'Opera. Era il 18 maggio 1821. C'erano proprio tutti i grandi del primo Novecento, da Picasso (con la sua solita bandana in fronte) a Djagilev con la sua compagnia dei Ballettu Russi, e poi i ricchi, i nobili, i mondani, le principesse, tutto quell'universo che proprio Proust da sempre studiava accanitamente.

Racconti della Natura dell'orto botanico di Padova: "Pane e noci"

16.05.22 - Redazione

Nuovo appuntamento della rassegna "Racconti della Natura" dell'Orto botanico di Padova con "Pane e noci", ultimo volime della collana VentoVeneto di Ronzani Editore: un reading musicale dell'autore, Lucio Montecchio, con l'accompagnamento della chitarra di Giorgio Gobbo.

18 maggio 2022 alle ore 18,30 presso l'Orto Botanico dell'Università di Padova

Ronzani, con due novità. E c'è chi preferisce proseguire solo online

16.05.22 - Il Giornale di Vicenza - Chiara Roverotto

«Si tratta del primo verosalone post pandemia, enonostante tutte le bruttenotizie che arrivano dalmondo speriamo che lacultura abbia ancora unsenso e un valore, e chequesta sia una fierafrequentata, nella qualepoter proporre consuccesso la qualità deinostri libri perché in questiultimi due anni abbiamodato fondo a ogni idea, ognirisorsa per fare crescere ilcatalogo in quantità equalità», Beppe Cantele,fondatore e direttore conLuisa Maistrello della casaeditrice Ronzani di Dueville,è fiducioso sull'andamentodel Salone.

Proust, Joyce e il Giardino d'acqua

15.05.22 - il Resto del Carlino ed. Imola - Redazione

Verrà presentato mercoledì 18maggio alle 21 nella Sala dellastagioni (in via Emilia 25 aImola) il nuovo libro di AndreaPagani dal titolo 'Il giardinod'acqua'. Dialogheranno conl'autore: Antonio Castronuovo,Sandra Zanardi e StefanoSalomoni.Pochi giorni dopo,sabato 21 maggio, per ilromanzo di Paganiappuntamento speciale alSalone del libro di Torino.

Omar vive nella parte sbagliata del mondo

15.05.22 - ENORDEST.IT - Annalisa Bruni

Immaginiamo di venire catapultati da un momento all'altro in una realtà che non hanulla di familiare, dove tutto è diverso e incomprensibile, a partire dalla lingua. Poiimmaginiamo di arrivare in una terra sconosciuta, nel pieno di una notte invernale,fredda e buia, con addosso vestiti leggeri che ci fanno rabbrividire. Immaginiamo didover cucinare senza gli ingredienti che usiamo abitualmente e di non sapere comepreparare il nostro cibo. Immaginiamo, poi, di essere neri in un mondo di bianchi, troppospesso ostili senza una ragione. Infine immaginiamo di avere quattordici anni e divenire inseriti in una classe dove capiamo soltanto la differenza tra ginnastica emusica, ma non quella tra scienze e tecnologia o italiano e storia, perché non
conosciamo nemmeno una parola di ciò che dicono professori e compagni.

Overbooking: Qui non possiamo più restare

13.05.22 - Nazione Indiana - Romano A. Fiocchi

"Qui non possiamo più restare" è un romanzo di impegno sociale, una sorta di reportage di fantasia che permette a Gallini di denunciare situazioni reali. In primo luogo l'atteggiamento opportunista delle istituzioni verso i centri di accoglienza e la grettezza di parte della popolazione, condizionata dall'ignoranza e dal pregiudizio. Ma anche una denuncia generale verso i meccanismi spietati dell'ultracapitalismo, quello che si affida solamente alle logiche di mercato, quello per cui il dio denaro giustifica tutto.

Un mondo rurale tutto da scoprire

13.05.22 - Il Giornale di Vicenza - Redazione

Fabio Siviero presenta "L'ultima stagione" edito da Ronzani. A dialogare con lui ci sarà Paolo Malaguti.

Terzo appuntamento a "La Bassanese", largo Corona d'Italia a Bassano, con gli appuntamenti dell'"Aperi-libro", il nuovo venerdì culturale.

"Pane e noci", racconti brevi sulla crisi ambientale

13.05.22 - Il Giornale dell'Ambiente - Redazione

Esce in libreria per i tipi di Ronzani "Pane e noci", raccolta di racconti brevi di Lucio Montecchio. L'opera restituisce al lettore una riflessione personale sul cambiamento subito dalle terre di bonifica del Veneto dal secondo dopoguerra a oggi. Secondo l'autore, il cambiamento è stato causato da una industrializzazione inattesa e traumatica, a svantaggio dei legami innati con la terra e con i suoi ritmi.

L'odio genera il disprezzo dove l'amore non è di casa

12.05.22 - Gazzetta di Reggio - Daniele Maria Ragno

Nel nuovo romanzo di Giuliano Gallini il tragico distacco tra utopia e realtà in un mondo che non è quello che dovrebbe essere.

"Qui non possiamo più restare" è un libro a tratti spiazzante per la cruda realtà che sceglie di mostrare. L'immagine che Giuliano Gallini dipinge mediante la potenza visiva della parola è sublime e terribile allo stesso tempo.

"Il giardino d'acqua", presentazione dell'ultimo libro di Andrea Pagani

12.05.22 - Leggilanotizia.it - Redazione

"Il girdino d'acqua" (Ronzani Editore) è il titolo del nuovo libro di Andrea Pagani che verrà presentato mercoledì 18 maggio, ore 21, alla sala delle Stagioni a Imola (via Emilia 25). L'iniziativa è organizzata da Università e "Associazione Ippogrifo - vivere la scrittura" in occasione del Centenario dell'incontro fra Marcel Proust e James Joyce, da cui il lavoro di Pagani prende spunto. Dialogheranno con l'autore Antonio Castronuovo e Sabdra Zanardi.

L'attacco verso il diverso, ma non per i motivi più classici. La distruzione di un'utopia in "Qui non possiamo più restare" di Giuliano Gallini

L'attacco verso il diverso, ma non per i motivi più classici. La distruzione di un'utopia in "Qui non possiamo più restare" di Giuliano Gallini

10.05.22 - CriticaLetteraria - Giulia Pretta

"Qui non possiamo più restare" sposta il bersaglio dai più "normali" motivi di discriminazione – per genere ed etnia – verso un'insofferenza per chi vorrebbe operare fuori dall'ordine costituito, limitando l'uso della tecnologia e indirizzando gli esseri umani verso qualcosa di diverso. Non per forza sovversivo, ma di certo più immaginifico.

Newsletter

Iscrivendoti avrai uno sconto del 5% sul tuo primo acquisto