Press

L'inferno sono gli altri: "Il purgatorio non è eterno" di Claudio Uguccioni

L'inferno sono gli altri: "Il purgatorio non è eterno" di Claudio Uguccioni

06.12.19 - CriticaLetteraria - magazine online - Giulia Pretta

Roma 1995: il professore di storia Émile Martin viene trovato morto. Si è sparato con una Beretta calibro 22 e, visto che la moglie e il figlio sono morti in un incidente d'auto pochi mesi prima, il suicidio pare la risposta più ovvia. Al vice commissario Luigi Ranieri però la cosa non torna: perché uccidersi in un anonimo motel di Roma? Perché prenotare un volo per Washington proprio poco prima di spararsi? Perché il Vaticano e le sue forze dell'ordine si stanno interessando a questo ignoto storico francese?

In ogni pagina c'è un perché

In ogni pagina c'è un perché

29.11.19 - il venerdì di Repubblica - Marco Filoni

Nella bandella c'è scritto "bandella". E nel frontespizio c'è "frontespizio", seguito da "prima segnatura", "primo ottavino", "bianca", "pantone 186+K". Un gioco, si dirà. Si, ma è un gioco serissimo, e anche molto bello, quello che ci offrono Elena Chiesa e Marco Giancarlo Pea nel loro "Questo non è un libro d'artista".

Non si può pensare al futuro se non si conosce il passato

Non si può pensare al futuro se non si conosce il passato

18.11.19 - La Voce del popolo - Giuliano Libanore

Alla CI di Pola, l'ultima fatica di Nelida Milani Kruljac "Di sole, di vento e di mare" è stata presentata da Mauro Sambi, Beppe Cantele, Loredana Bogliun e Rosanna Bubola.

Un folto pubblico ha presenziato l'altra sera alla Comunità degli italiani di Pola alla presentazione dell'ultima fatica della scrittrice connazionale Nelida Milani Kruljac, "Di sole, di vento e di mare", edito da Ronzani Editore. 

Il pudore del pensiero

Il pudore del pensiero

29.10.19 - Giornale di Vicenza - Paolo Vidali

Trenta studiosi al lavoro per ricordare il filosofo vicentino Franco Volpi. Due saggi con i curatori Nicola Curcio, Giovanni Gurisatti e Antonio Gnoli.

Sono molti, più di trenta, gli studiosi che hanno collaborato nel far rivivere il pensiero del filosofo vicentino. Una vasta generosità intellettuale che ha avuto bisogno di una forma, quella che ai due libri hanno dato, con la loro competenza, i curatori Gurisatti, Gnoli e Curcio.

 

Geografie di Comisso. Cronaca di un viaggio letterario, di Nicola De Cilia

Geografie di Comisso. Cronaca di un viaggio letterario, di Nicola De Cilia

23.10.19 - epicentriblog - Alberto Trentin

C'è un dato essenziale e che pertiene alla sostanza del testo: siamo davanti a una lettura superficiale e spaziale di un autore, cioè relativa al suo percorrere il mondo, al suo calcare il piano terrestre in direzioni varie e a volte contrarie con un carattere di indomita energia. De Cilia dice e mostra: lo scrittore Comisso, così parcellizzato dalla critica nel suo trevigianismo è in realtà scrittore nomade e universale.

 

Mi racconti la storia della casa sul Piave di Goffredo Parise?

Mi racconti la storia della casa sul Piave di Goffredo Parise?

15.09.19 - IlGiornale - Luigi Mascheroni

Dietro un grande uomo c'è sempre una grande donna, e dietro ogni vero scrittore c'è sempre una piccola casa... Dentro la minuscola "casa delle fate" sulle rive del Piave, a Salgareda, c'è una parte della storia letteraria e umana (raccontata dall'amico Claudio Rorato, allora ragazzino) di Goffredo Parise. Hic manebat optime, dal 1970 all'81. Qui mise radici. Qui fiorirono i Sillabari. Qui passarono alluvioni, frane, rinascite. Qui vive la sua memoria.

I segreti  di Atene in dialetto veneto: la catabasi rovesciata di Longega

I segreti di Atene in dialetto veneto: la catabasi rovesciata di Longega

01.09.19 - il manifesto - Pasquale Di Palmo

Il dialetto veneziano, valorizzato in passato da poeti come Noventa e Zanzotto, sta conoscendo a sorpresa una nuova fioritura espressiva (si pensi alla recente raccolta di Francesco Giusti “Quando le ombre si staccano dal muro”, accolta nella collana Quodlibet diretta da Giorgio Agamben, in cui l'autore effettua un'operazione invasa rispetto a quella compiuta in genere, traducendo in dialetto testi originariamente concepiti in lingua). 

Il libro "Goffredo Parise a Salgareda. La casetta, 1970-2006", di Claudio Rorato.

Il libro "Goffredo Parise a Salgareda. La casetta, 1970-2006", di Claudio Rorato.

26.08.19 - Bassanoweek - Francesco Bettin

La figura di un grande scrittore vicentino del Novecento come Goffredo Parise ritorna dalla pubblicazione editata da Ronzani Editore "Goffredo Parise a Salgareda. La casetta, 1970-2006" di Claudio Rorato.

«Un Eden dove si respira il senso del tempo» La Casetta sul Piave che incantò Parise

«Un Eden dove si respira il senso del tempo». La Casetta sul Piave che incantò Parise

18.08.19 - Il mattino di Padova - Nicola De Cilia

Sabato 31 agosto, alle 20.30, a Salgareda, nella “Casetta” dove Goffredo Parise visse dal 1970 al 1981, sarà presentato il libro di Claudio Rorato, “Goffredo Parise a Salgareda” (Ronzani editore, 12 euro). Un modo, questo, per ricordare lo scrittore a 33 anni dalla sua scomparsa, avvenuta il 31 agosto 1986.

Alfabeti di ritorno

Alfabeti di ritorno

18.08.19 - Il Sole 24 Ore -

Sono illustrati brevemente da un maestro, Raffaello Bertieri. Quanta sapienza ed eleganza in questa edizione Ronzani che riprende, in fac simile, quella del 1933.

Villafranca Sicula, presentato il nuovo libro di Giovanni Accardo

31.07.19 - La Sicilia -

A cura dell'amministrazione comunale è stato presentato davanti la casina del barone Musso, il libro di Giovanni Accardo dal titolo "Il diavolo d'estate", il primo della collana "Attraverso" (Ronzani Editore).

Accardo, ecco il secondo romanzo

Accardo, ecco il secondo romanzo

12.07.19 - Qui Bolzano - Greta Sofia Lampi

Il diavolo d'estate è il romanzo giallo pubblicato recentemente da Giovanni Accardo, professore di italiano al Liceo Pascoli di Bolzano. Racconta la calda estate siciliana del '78 e la storia di Tito, adolescente annoiato che insieme ai suoi amici riesce a ottenere il permesso per trasformare il piazzale di una villa in una discoteca all'aperto. È però un successo effimero, che presto si trasforma in tragedia.

Franco Volpi, il pensiero che ci manca

Franco Volpi, il pensiero che ci manca

12.07.19 - Il Venerdì di Repubblica - Marco Filoni

Era il 14 aprile 2009. In sella alla sua bicicletta, Franco Volpi pedalava sui colli vicentini che tanto amava girare. Poi, all'improvviso, l'incidente stradale nel quale perdeva la vita. Sono passati dieci anni da quel giorno, dieci anni nei quali in molti, nella comunità filosofica, si sono misurati con il vuoto che Volpi ha lasciato morendo a soli 56 anni. Ora appaiono due libri che restituiscono il "passo" di questo studioso raffinato.

Un siciliano a Bolzano

16.06.19 - Gabriele Di Luca

Giovanni Accardo, insegnante e scrittore, ha appena pubblicato un romanzo che parla della sua giovinezza insulare. In questa intervista il suo punto di vista si allarga però a comprendere anche la relazione con il Sudtirolo, terra in cui vive da più di vent'anni.

Attravèrso. Una collana di narrativa e saggistica tutta nuova ma soprattutto diversa.

Attravèrso. Una collana di narrativa e saggistica tutta nuova ma soprattutto diversa.

15.06.19 - Leggere tutti -

Una collana di narrativa e saggistica tutta nuova ma soprattutto diversa. Obliqua persino, proprio come la disegna il suo nome: Attravèrso.

Newsletter

Iscrivendoti avrai uno sconto del 5% sul tuo primo acquisto